Musica e malinconia - Arturo Storie Aqcciacunti Palermo

Arturo

"Io e la malinconia siamo nati insieme."

Sono nato a Mazara del Vallo. Ho vissuto fino all'età di sedici anni in un paesino in provincia di Palermo: Villafrati il paese dei miei nonni. Ero il classico bambino abbastanza vivace con una grande passione per la musica, tanta curiosità e tanta voglia di imparare. A sedici anni mi sono trasferito a Torino. Ho vissuto lì due anni e mezzo, lavorando come barman e pianista.

Dopo il diploma ho iniziato a viaggiare.

Sono un girovago. Mi piace conoscere nuove persone e fare esperienza. Ad ottobre sono tornato a Palermo. Lavoro in un'enoteca e, nel tempo libero, suono il piano per gli amici. Ho avuto un' infanzia abbastanza strana. Sono sempre stato il più affettuoso di tutta la famiglia. Venivo soprannominato “vasa vasa”. Davo e chiedevo affetto, forse, anche in maniera esagerata.

Sono cresciuto insieme a mia sorella che adoro.

Ero un bambino estroverso e chiacchierone. Giocavo con tutti senza fare discriminazioni. Villafrati è un paese molto tranquillo. Puoi permetterti di giocare per strada con i tuoi coetanei. La cosa più pericolosa che può accadere è che ammazzino una pecora. Da adolescente quello che consideravi un posto fantastico pieno di verde e a contatto con la natura inizia a starti stretto. Iniziano a mancarti tante cose.

Incontro la musica grazie a mio padre, un batterista con un buon orecchio che, di tanto in tanto, strimpellava il pianoforte.

Il primo strumento mi viene regalato quando ho appena due anni. Ricordo mio padre molto orgoglioso. Aveva comprato una batteria, pensando che il figlio seguisse le orme da lui già tracciate. Allergico alle regole e a i dettami familiari mi stufai presto ed iniziai a suonare il piano. Con il tempo comprai prima un sax, poi una chitarra, una tastiera, un basso ed un violino.

Riesco a comporre solo quando ho qualcosa da dire.

Compongo quando ho bisogno di lasciarmi andare. La malinconia non mi ha mai abbandonato.

 

Melancholia


 

E tu? Aqcciacunti? Condividi con i tuoi amici Share on FacebookEmail this to someoneTweet about this on TwitterPin on Pinterest